Gratta e vinci, l’allieva supera la “maestra”: perdita subito dimenticata

Gratta e vinci, ha deciso di dare fiducia per puro caso alla dea bendata e le è andata più che bene: la sua è una storia incredibile.

Non aveva mai confidato troppo nella dea bendata. Credeva di essere troppo sfortunata per sfidare la sorte e avere la meglio su di essa. Ma la vita, si sa, a volte può riservarci delle sorprese straordinarie. Come è successo a questa donna, che ha visto la sua quotidianità cambiare da un giorno all’altro.

Gratta e vinci, l'allieva supera la "maestra": perdita subito dimenticata

Siamo a Nottingham, nelle Midlands inglesi. Karen Parkin, questo il suo nome, non aveva mai acquistato un Gratta e vinci. Aveva iniziato a farlo, però, quando aveva visto coi suoi occhi una donna vincere 50mila sterline mentre faceva la fila dall’edicolante, qualche passo dietro di lei.

Karen ne ha acquistato uno qualche giorno fa, ai Sonia Stores di Basford, dove si era recata per fare un po’ di spesa. Lo aveva comprato senza troppe aspettative e lo ha grattato a casa, in tutta tranquillità, mentre guardava l’ultima puntata di The Chase.

Gratta e vinci, dopo il tubo l’Egitto

Gratta e vinci, l'allieva supera la "maestra": perdita subito dimenticata
Pixabay

Ha scoperto che sotto quella patina argentata c’erano la bellezza di 300mila sterline. Una somma che la dea bendata le ha servito su un piatto d’argento nel momento, peraltro, in cui più le servivano. La Parkin aveva scoperto qualche ora prima di avere una perdita in casa, ma non poteva permettersi i tubi necessari per la riparazione.

Non solo, ora, ha riparato la perdita, ma sta addirittura organizzando un viaggio in Egitto per festeggiare la sua bella vincita. “Prima dovevo mettere 20 sterline di carburante alla macchina e non potevo fare il pieno. Ora la vita sarà meno stressante… è semplicemente fantastico”.

“Ricordo di aver chiamato il mio amico Tony – ha raccontato ancora al Nottingham Post – e di avergli chiesto di fare un salto per aiutarmi a controllarlo. Ha detto che sembrava vincente, quindi ho chiamato la linea della lotteria nazionale per richiederlo. La signora al telefono ha confermato che avevo vinto e che qualcuno mi avrebbe richiamato a breve per guidarmi attraverso il processo. Poi ho avvolto il Gratta e vinci in alcuni strofinacci e l’ho messo in un cassetto. Non ho chiuso occhio quella notte”.