WhatsApp, furbetti al bando: con l’aggiornamento basta bugie

WhatsApp ha deciso di portare un po’ di chiarezza nelle relazioni interpersonali. Si può cambiare idea. Ma quando lo si fa è bene che si sappia.
Diceva qualcuno che la sapeva lunga che “solo i cretini non cambiano mai idea”. Ma per quanto questa frase contenga una innegabile verità, anche cambiare idea troppo spesso, e soprattutto senza dirlo, non è sempre d’aiuto nella chiarezza delle relazioni e delle conversazioni.
Whatsapp
Whatsapp introduce una novità attesissima (Pixabay)
Ne danno un esempio illustri figure pubbliche, che sostengono cose esattamente agli antipodi di quanto usavano fare fino a poco tempo fa. E se è vero che i social danno ormai poca possibilità di nascondere certe svolte improvvise, sarebbe sicuramente molto meglio fermarsi ogni tanto e dire “Ah, ho cambiato idea”. E magari spiegare il perché. Tutto sarebbe più semplice, più chiaro, più pulito.

Con WhatsApp cambiare idea si può

Fino a oggi WhatsApp aveva costruito un piccolo (ma grande, essendo la più diffusa app di messaggistica al mondo) mondo, in cui tutti erano al riparo da questi sconvolgimenti del pensiero. Una volta spedito il messaggio era quello, immodificabile.

Si poteva, al limite, cancellarlo, sperando che nessuno l’avesse ancora visto, e riscriverlo. A volte funziona, a volte no. Insomma, per quanto WhatsApp sia il mezzo caratteristico di una comunicazione veloce e informale, è sempre meglio pensare bene a cosa si scrive prima di premere “invio”.

Da un po’ di tempo si parla della possibilità di modificare i messaggi. E chiaramente anche WhatsApp ha sentito l’esigenza di adeguare il suo mezzo alla volubilità e alla fallibilità umane. Chi ha studiato bene la versione beta 2.22.22.14.di Android, come ha fatto il sito WABetaInfo, ha trovato proprio questa nuova, importantissima, funzionalità in preparazione.

Se cambi idea, si vede

Ma la genialità di WhatsApp, almeno a vedere questa versione Beta, è quella di completare la possibilità di editare i messaggi con una chiara etichetta che informa l’interlocutore o gli interlocutori che il messaggio è stato editato rispetto alla primissima versione.

Pare, anche se ad analizzare le Beta occorre essere sempre cauti, che la possibilità di modifica sarà aperta solo nei primi 15 minuti di vita del messaggio. Un tempo ideale per correggere un possibile refuso. Ma non abbastanza lungo per alterare conversazioni in corso e cambiarle di senso.

Whatsapp
Whatsapp, i cambiamenti lasciano il segno (Pixabay)

Insomma, anche dopo i cambiamenti, sicuramente utili, che consentono di modificare tempestivamente un messaggio lanciato con fretta eccessiva, una conversazione di WhatsApp resterà sempre più chiara e affidabile di una intervista in tv o sui giornali al personaggio del momento