Non solo WhatsApp: gli scocciatori non hanno più scampo

WhatsApp ha fatto da apripista, ma gli scocciatori da oggi in poi non avranno più scampo: ecco la svolta che tutti aspettavano.

Diciamoci la verità: nessuno vuole avere a che fare con gli scocciatori. Essere disturbati costantemente e a tutte le ore del giorno – a volte, addirittura, nei momenti meno opportuni – non è proprio il massimo, in effetti. E quanto lo abbiamo atteso, alla luce di tutto ciò, il momento che sta finalmente per arrivare?

WhatsApp
Pixabay

Dal 27 luglio prossimo, ogni italiano che lo desideri potrà finalmente dire basta alle telefonate moleste. Il registro pubblico delle opposizioni sarà esteso ai numeri di cellulare e ai recapiti che non compaiono negli elenchi telefonici pubblici, ragion per cui l’era del trillo indesiderato è giunta al capolinea.

Ma come funziona? Semplice: chi lo vorrà potrà impedire il trattamento dei propri dati personali da parte degli operatori, che in genere attingono agli elenchi prima citati per svolgere le proprie attività di marketing a mezzo posta o, negli ultimi anni, tramite telefono cellulare.

Scocciatori al bando come su WhatsApp

WhatsApp
Pixabay

Questo non significa che una cosa. Che una volta che avremo aderito al registro, non riceveremo più le telefonate da parte dei call center commerciali. Cerchiamo solo di capire, adesso, cosa bisognerà fare per iscriversi al registro pubblico delle opposizioni. Basterà chiamare il numero verde 800 265 265, oppure inviare una raccomandata.

In tal caso lo si potrà fare tramite fax al numero 06.54224822 o via email, scrivendo all’indirizzo abbonati.rpo@fub.it. In ultima analisi, è possibile compilare il modulo elettronico che sarà disponibile nell’area abbonato sul sito internet www.registrodelleopposizioni.it. La richiesta sarà accolta entro un massimo di 15 giorni.

Un po’ quello che è già possibile fare su WhatsApp e sui vari social network, se vogliamo, che ci permettono di bloccare la ricezione di messaggi da parte di contatti indesiderati. Ed era decisamente ora che il registro si adeguasse e che desse la possibilità anche a chi viene molestato tramite smartphone di aderirvi e di dire basta agli scocciatori seriali.