Wimbledon, si concludono gli ottavi: pronostici lunedì 4 luglio

Wimbledon, dopo un fine settimana in cui non sono mancate le emozioni si chiude oggi il programma degli ottavi di finale: pronostici.

Si è appena concluso un fine settimana da urlo a Wimbledon, in cui hanno ovviamente fatto da padrone la sfida all’O.K. Corral tra Nick Kyrgios e Stefanos Tsitsipas, una delle più spettacolari e avvincenti degli ultimi anni, il trionfo di Jannik Sinner nel cosiddetto “clash of future” ai danni dello spagnolo Carlos Alcaraz, con l’altoatesino che ha colorato l’azzurro il cielo del Centre Court, ed infine la clamorosa eliminazione della numero uno al mondo, Iga Swiatek, sconfitta dopo trentasette vittorie consecutive.

Wimbledon
©️Ansafoto

In attesa di gustarci i primi due quarti di finale, in programma nella giornata di domani, restano ancora quattro ottavi da giocare nei rispettivi tabelloni di singolare. Ritorna in campo Rafa Nadal: il maiorchino, distrutto l’italiano Lorenzo Sonego in tre set – con tanto di polemica nel finale tra i due – se la vedrà con Botic van de Zandschulp, avversario alla portata ma sempre temibile sul veloce. Nadal lo ha battuto poche settimane fa al Roland Garros, ma sull’erba cambia tutto. L’olandese è un giocatore molto equilibrato ed è dotato di un servizio niente male: non è da escludere che riesca a vincere almeno un set.

L’altro match da non perdere è quello che vedrà protagonista Nick Kyrgios, reduce dall’entusiasmante contesa con Tsitsipas in cui ha fatto fuoco e fiamme, dentro e fuori dal campo. L’australiano tuttavia è noto per la sua incostanza e se le motivazioni gli dovessero venire a mancare potrebbe concedere qualcosa al solido statunitense Brandon Nakashima.

Nelle altre due sfide invece partono coi favori del pronostico Taylor Fritz e Alex de Minaur: l’americano è un rullo e dovrebbe regolare in tre set il sorprendente Jason Kubler, mentre l’australiano avrà più filo da torcere contro il cileno Cristian Garin: non era affatto scontato che vincesse tre partite su una superficie che non è certamente la sua preferita.

Nel singolare femminile occhi puntati su Badosa-Halep

Wimbledon
Simona Halep ©️Ansafoto

Si inizia a fare sul serio anche nel singolare femminile, dove l’unica a far valere la sua superiorità finora è stata la tunisina Ons Jabeur, favorita per la vittoria dello Slam dopo l’eliminazione inattesa della Swiatek. Per il resto, beato chi ci capisce qualcosa, verrebbe da dire. Ieri ben tre tenniste sono state capace di ribaltare i pronostici e la giornata odierna promette altre sorprese. Occhio ad Ajla Tomljanovic. L’australiana sta giocando un gran tennis, come al solito è solidissima da fondocampo e potrebbe fare lo sgambetto alla francese Alizé Cornet, reduce dalla strepitosa vittoria contro la polacca numero uno al mondo ma allo stesso tempo famosa per la sua incredibile discontinuità.

Match che promette scintille quello tra Elena Rybakina e Petra Martic. Due anni fa a Dubai ebbe la meglio la kazaka, che è quella che ha più talento ed esperienza sulla superficie. Il piatto forte, però, è sicuramente la sfida stellare tra Paula Badosa e Simona Halep: entrambe finora hanno fatto benissimo e prevediamo una partita lunga, con la rumena leggermente favorita. Dovrebbe passare il turno anche la statunitense Amanda Anisimova, che ha appena vinto il derby a stelle e strisce con Coco Gauff. La francese Tan non finisce di stupire ma la sua corsa si fermerà verosimilmente contro l’americana.

Wimbledon, tabellone maschile: i possibili vincenti

de Minaur in Garin-de Minaur (4 set)
Kyrgios in Nakashima-Kyrgios (5 set)
Fritz in Kubler-Fritz (3 set)
Nadal in van de Zandschulp-Nadal (4 set)

Wimbledon, tabellone femminile: le possibili vincenti

Tomljanovic in Cornet-Tomljanovic
Rybakina in Rybakina-Martic (3 set)
Halep in Badosa-Halep (3 set)
Anisimova in Anisimova-Tan