L’attore a luci rosse non si contiene: “Camila Giorgi è tanta roba”

Camila Giorgi è finita nel mirino di un ex attore hard: ecco per quale motivo e che cosa ha detto sul suo conto.

In campo è una saetta. Colpisce la palla con una potenza incredibile. Ma non è solo il suo modo di giocare ad aver stregato il pubblico. Camila Giorgi piace anche per altre doti e qualità che esulano dal suo status di tennista, che pure è il motivo per cui ha raggiunto l’apice del successo.

Camila Giorgi
Instagram

È bellissima, tanto per cominciare, ma questo lo sapevamo già. E chi la segue sui social network sa anche che ha un sex appeal notevole che traspare chiaramente dalle fotografie che è solita postare su Instagram. Di quanto sia sensuale non ce ne siamo accorti solo noi, ma anche uno piuttosto ferrato in materia.

Stiamo parlando di Franco Trentalance, ex attore di film hard, che a margine della presentazione di un progetto ha chiacchierato con lo staff di Sportal.it e parlato dell’atleta di Macerata in modo un po’ diverso. Senza concentrarsi, cioè, sul lato sportivo della bellissima marchigiana.

Camila Giorgi nel mirino di Franco Trentalance

Camila Giorgi
Instagram

L’ex attore a luci rosse si è prima lanciato in una dissertazione sugli sportivi in generale, sottolineando che molti di loro sarebbero disposti ad apparire in un film porno. “Perché sono abituati ad avere la concentrazione a comando che serve sul set – ha detto – e hanno un fisico reattivo, anche se poi bisogna vedere quanto reggono la pressione”.

Detto ciò il discorso ha preso una piega diversa, più specifica, ed è stato allora che Trentalance ha parlato della numero 30 del mondo. “Camila Giorgi è tanta roba” ha esclamato, lasciando chiaramente intendere di vederla piuttosto adatta ad un’esperienza del genere.

Ha poi tirato in ballo Sofia Goggia, a suo dire tosta tanto quanto la Giorgi, sebbene “troppo vestita”. “Ma confido – ha detto ancora in riferimento alla sciatrice – nella tonicità del suo fisico“. Un ultimo passaggio, come fa sapere Sportal.it, lo ha riservato a Mario Balotelli, troppo “indisciplinato” e in quanto tale inadatto perché “sul set non puoi fare di testa tua”. A differenza, invece, di Karim Benzema, che “è potente e controllato, calmo ma anche aggressivo”.