Camila Giorgi, derby saltato e nervi alle stelle: è successo di nuovo

Camila Giorgi, un pomeriggio da dimenticare per la tennista italiana: ecco cosa è successo ieri a Stoccarda.

La sola idea di vederle duellare aveva acceso gli animi dei tifosi italiani. Perché se è vero, da una parte, che i derby sono sempre “dolorosi”, è altrettanto vero che goderseli è un piacere. Un piacere sadico, forse, ma in ogni caso irrinunciabile. Ed è un vero peccato, quindi, che quello in programma ieri alla fine sia stato annullato.

Camila Giorgi
©️Ansafoto

Camila Giorgi e Jasmine Paolini non si sono affrontate, come previsto, nell’ambito del primo turno del Wta 500 di Stoccarda. La tennista di Castelnuovo di Garfagnana si è ritirata qualche ora prima dell’inizio del match per via, a quanto pare, di un problema al ginocchio che le avrebbe impedito di giocare.

La tennista marchigiana ha dunque affrontato non la sua collega italiana, con la quale aveva giocato fianco a fianco nel turno preliminare della Billie Jean King Cup, ma una lucky loser. Che inaspettatamente, contro ogni pronostico, è riuscita a far fuori la Giorgi.

Camila Giorgi, sfuma anche Stoccarda

Camila Giorgi
©️Ansafoto

Tamara Korpatsch, nativa di Amburgo e 118esima nel ranking Wta, si è resa protagonista non solo di una rimonta pazzesca, ma di una vittoria che ha fatto particolarmente male al pubblico italiano. È la quarta volta consecutiva, infatti, che la Giorgi viene messa ko al primo turno di un torneo.

Stavolta era in vantaggio di un set e sembrava che avesse la situazione sotto controllo, ma la partita ha poi preso una piega inaspettata trasformandosi in un “massacro”. Il secondo set è stato combattuto, mentre nell’ultimo l’avversaria tedesca si è imposta su tutta la linea lasciando solo un misero game alla tennista azzurra.

Nel parziale decisivo non c’è stata traccia della Giorgi che lo scorso weekend ha portato la sua Italia alle Finals della BJK Cup. Si è mostrata nervosa e per nulla a suo agio. Tanti, troppi, doppi falli che hanno finito per spianare la strada alla sua rivale. E, purtroppo, anche per mandare in fumo il sogno di rivederla giocare il suo miglior tennis.