Berrettini e Sonego, a Miami la notte è “bollente”

Berrettini e Sonego infiammano Miami a due giorni dall’esordio al Masters 1000. Ecco cosa hanno combinato insieme.

Esordiranno sul cemento dell’Hard Rock Stadium di Miami domani. Matteo Berrettini contro Juan Manuel Cerúndolo, Lorenzo Sonego contro Denis Kudla. La tensione avrà certamente iniziato a farsi sentire e smorzarla uscendo a prendere una boccata d’aria è stata senza ombra di dubbio un’ottima idea.

Berrettini
Instagram

I due colleghi sembrano essersi avvicinati molto, nell’ultimo periodo. Il torinese era addirittura seduto alle spalle di Vincenzo Santopadre, durante le gare di Berrettini a Indian Wells. Segno che sono molto amici e che, indipendentemente dal ranking e dai tornei, sono sempre lì a sostenersi l’un altro.

Ipotesi che trova riscontro nel fatto che ieri abbiano deciso di concedersi una bella serata a Miami e di condividere quella che, evidentemente, è una passione comune. Perché sì, il tennis è senz’altro il loro primo amore, ma nei loro cuori c’è spazio anche per un altro sport molto affascinante: il basket.

Incursione nel basket per Sonego e Berrettini

Berrettini
Instagram

E così, a due giorni dal debutto al Masters 1000, hanno ben pensato di recarsi alla AmericanAirlines Arena e di godersi lo spettacolo inscenato dai Miami Heat e i Golden State Warriors. I padroni di casa, contrariamente alle aspettative, non hanno vinto, ma lo show è stato comunque grandioso.

Berrettini e Sonego hanno assistito al match insieme, documentando il tutto su Instagram con varie fotografie e video. A fare il tifo per la squadra locale, dal nome assai “bollente”, c’era anche Usain Bolt, insieme al quale il campione romano ha posato per uno scatto che ha subito fatto il giro dei social network.

Ancora una volta, quindi, Berrettini non era in compagnia di Ajla Tomljanovic, che ieri è stata sconfitta all’esordio a Miami dall’italiana Lucia Bronzetti. Un altro indizio che sembrerebbe confermare la rottura tra i due, della quale si parla da ormai due settimane senza che i diretti interessati abbiano ancora detto una sola parola.