Carolina Stramare incorona la nuova Miss Italia | Quella frase su Insigne

Carolina Stramare passa il testimone: ecco chi è Miss Italia 2022 e cosa c’entra la nuova reginetta di bellezza con Lorenzo Insigne.

Era scontato che ad un certo punto anche Miss Italia dovesse “piegarsi” alle esigenze della generazione Z. Innovarsi, trasformarsi, adeguarsi ai tempi. Ed è proprio quello che è stato fatto in vista dell’edizione 2022, che ha di fatto inaugurato una nuova fase dello storico concorso italiano.

Carolina Stramare
Instagram

A traghettare le aspiranti reginette verso l’inedito format in streaming è stata colei che la gioia di indossare quella corona l’ha assaporata non troppo tempo fa. Parliamo di Carolina Stramare, eletta nel 2019, presunta fiamma di Dusan Vlahovic.

A vincere l’edizione 2022 è stata Zeudi Di Palma. Ha 20 e viene da Scampia. Ma non ci sta a subire in silenzio le interpretazioni, a suo avviso distorte, che vengono propinate al pubblico circa la sua terra natia. Il paese delle Vele, dice, non è certo il paradiso, ma non è solo quello che Gomorra ha raccontato al mondo.

Leggi anche: Diletta Leotta, nelle storie un indizio che scotta: il cappello per due

Carolina Stramare, la sua erede è Zeudi Di Palma

Carolina Stramare
Miss Italia 2022 Zeudi Di Palma (Instagram)

La bella campana, attivissima nel sociale, è un vero e proprio faro nel quartiere alle porte di Napoli. Con la sua associazione aiuta i ragazzi a intraprendere una strada che non sia necessariamente quella della criminalità, motivo per il quale è una Miss interessante per diversi motivi.

Oltre ad impegnarsi nel suo territorio, fa molto altro. Zeudi suona e ha addirittura giocato a calcio, quando era bambina. Ama tenersi in forma e adora l’arte. E quando le viene chiesto per quale squadra tifi, non esita neanche un attimo.

Miss Italia 2022 tifa Napoli, a dimostrazione di quanto “senta” le sue radici e l’appartenenza a quella terra. Chi è il suo calciatore preferito? Anche in quel caso, nell’intervista che ha rilasciata al quotidiano La Stampa dopo l’incoronazione, non ha avuto dubbi. Il suo mito è Lorenzo Insigne.