Camila Giorgi, a Dubai come a Montreal: il sorteggio è profetico

Camila Giorgi, il destino ha deciso. Ecco chi ha pescato al primo turno del Wta 500 di Dubai e perché si tratta di una fortunatissima coincidenza.

L’avventura di Camila Giorgi in riva al Golfo Persico non poteva iniziare meglio di così. La stella italiana del tennis non è ancora scesa in campo, ma il tabellone ci dice che stavolta potrebbe avere la buona sorte dalla sua parte. Soprattutto perché il sorteggio, appena conclusosi, è piuttosto profetico.

Camila Giorgi
Instagram

L’atleta di Macerata ha pescato per il primo turno del Dubai Duty Free Tennis Championships un’avversaria che ha sfidato non troppo tempo fa. L’ha affrontata in quello che non ha esitato a definire il giorno più bello della sua vita, imponendosi nonostante il ranking in quel momento non le sorridesse.

La Giorgi incontrerà ancora una volta la ceca Petra Kvitova, contro la quale vinse il 12 agosto scorso nel torneo che ha cambiato la sua carriera. La partita si giocò a Montreal e permise a Camila di accedere ai quarti di finale. Da lì alla vittoria il passo è stato breve e vederla alzare la coppa è un’emozione che neanche i tifosi dimenticheranno mai.

Leggi anche: Camila Giorgi, che caldo a Dubai: il riflesso nello specchio è bollente

Wta 500 Dubai, Camila Giorgi pesca la Kvitova al primo turno

Camila Giorgi
Petra Kvitova (Instagram)

La Kvitova, nell’estate 2021, era 12esima nel ranking Wta. La Giorgi era molto più in basso e sulla carta, ma solo lì, non era la favorita. Invece, con la costanza e la determinazione che l’hanno animata in quel torneo, è riuscita non solo a battere un’avversaria teoricamente più forte, ma anche ad imporsi su tutte le altre.

Ci piace pensare quindi che incontrarla nuovamente lungo il suo cammino possa essere di buon auspicio. Che sia un segno del destino, magari, un presagio di cose belle che stanno per accadere.

Camila, dal canto suo, avrebbe proprio bisogno di una nuova iniezione di autostima. A San Pietroburgo è uscita al primo turno ed è assolutamente necessario che al Wta 500 di Dubai faccia meglio che in Europa.