Camila Giorgi, tappa “artistica” dopo l’Australia: le foto lasciano senza fiato

Camila Giorgi si sta concedendo qualche giorno di relax prima del prossimo torneo: ecco cosa sta facendo la stella di Macerata.

Ci sono atleti la cui vita ruota solo ed esclusivamente attorno alla propria carriera sportiva. E poi c’è Camila Giorgi, che pur riversando tutte le sue energie nel tennis trova sempre il modo e il tempo, com’è giusto che sia, per dedicare a tutte le altre passioni di cui non ha mai fatto mistero.

Camila Giorgi
Instagram

Sappiamo che la stella di Macerata ha un debole per la moda, tanto per cominciare. Al punto che è su di essa che si butterà nel momento in cui sarà costretta ad appendere la racchetta al chiodo. Ma sappiamo anche quanto ami leggere e quanto grande sia il suo desiderio di scrivere, un giorno, un libro.

Non è finita qui. La bella Giorgi, e chi la segue sui vari social netwok dovrebbe ormai averlo intuito, ama anche l’arte. In tutte le sue forme. Tant’è che, ogni volta che le è possibile, se ne va a zonzo per le città, soprattutto quelle italiane, in cerca di nuove meraviglie da esplorare e di scorci instagrammabili da postare.

Leggi anche: Camila Giorgi, altro che jet lag: la foto stende i fan

Camila Giorgi, da Melbourne a San Pietroburgo passando per Siena

Camila Giorgi
Instagram

Proprio ieri, guarda caso, ha ben pensato di concedersi una giornata da turista. È appena tornata da Melbourne, dove ha partecipato agli Australian Open e ne è uscita sconfitta dalla numero uno Ash Barty, e tra non molto dovrà rifare le valigie e partire alla volta di San Pietroburgo, per un torneo Wta.

Ma, nel frattempo, un po’ di sano relax non guasta. E così, qualche ora fa, ha caricato tramite stories su Instagram un resoconto dettagliatissima del suo mercoledì interamente dedicato all’arte e alle meraviglie architettoniche della città toscana.

Gli scatti che ha pubblicato hanno lasciato senza fiato. Ha fotografato di tutto, dal Duomo alla libreria Piccolomini, lasciando intendere di avere una passione smisurata per i tesori di cui l’Italia è praticamente piena zeppa.