WhatsApp, la prudenza non è mai troppa: il trucco per proteggere le chat

©Getty Images

WhatsApp, ecco tutto quello che c’è da sapere sulla funzione che ti permetterà finalmente di blindare le tue conversazioni private. 

Le chat delle app di messaggistica istantanea sono piene zeppe di contenuti privati. Che si tratti di fotografie o di semplici messaggi, di audio o di filmati, proteggere quello che inoltriamo e riceviamo all’interno delle nostre conversazioni diventa dunque di fondamentale importanza per gli utenti.

Leggi anche: WhatsApp, sorpresa per Android: come cambiano le chat

Ecco spiegato, quindi, perché era assolutamente necessario individuare un sistema che permettesse di blindare le chat e di evitare, quindi, che qualcuno ficchi il naso nei nostri affari. Questo metodo è finalmente stato trovato e, da oggi, potremo dormire sonni molto più tranquilli.

Per proteggere i contenuti privati delle nostre conversazioni dovremo però scaricare un’applicazione aggiuntiva. Non esiste alcuna feature ufficiale di WhatsApp, al momento, che permetta di rendere le chat inespugnabili a livello di cyber-sicurezza. Anzi, il rischio che vengano violate è purtroppo concreto.

WhatsApp, mettere il lucchetto alle tue chat è semplicissimo

WhatsApp
Pixabay

Per mettere il lucchetto alle chat non dovremo fare altro, quindi, che procedere al download dell’applicazione Serratura-Applock sul nostro device. Vi permetterà, sostanzialmente, di bloccare con una password o, volendo, con l’impronta digitale, tutte le app che contengono informazioni sensibili.

Il trucco non vale, quindi, solo ed esclusivamente per WhatsApp. Lo si potrà sfruttare per blindare anche Facebook, Twitter ed Instagram. E non è finita qui. Lo stesso sistema potrà essere adottato, prestissimo, anche su Windows e macOS.

Una volta abilitata la funzione, le chat di WhatsApp saranno finalmente al sicuro. E chissà che un giorno, non troppo lontano magari, la possibilità di blindare le conversazioni non venga offerta dagli sviluppatori stessi del gioiellino di Marc Zuckerberg. Sarebbe una vera e propria svolta, in un’epoca in cui badare alla cyber-sicurezza e proteggere i propri dati personali è divenuto ormai di fondamentale importanza.