Djokovic, dopo New York i guai non finiscono: altra batosta

Djokovic
©Getty Images

Djokovic, un’altra brutta notizia per il tennista serbo. Ecco l’annuncio che ha lasciato tutti con l’amaro in bocca.

Ci vuole del tempo, questo si sa, per smaltire le delusioni. Soprattutto se ti chiami Novak Djokovic e se sei un campione di fama mondiale. Non c’è da stupirsi affatto, quindi, che la disfatta di New York pesi ancora come un macigno per il tennista serbo. È perfettamente normale, anzi, che non abbia ancora smaltito la delusione.

Leggi anche: Berrettini, Ajla Tomljanovic è scomparsa dai social | Qualcosa è andato storto

Gli Us Open non sono andati come sperava. Tutto è andato a rotoli e lui si è ritrovato con un pugno di mosche in mano dopo aver collezionato nient’altro che traguardi e successi. Psicologicamente, questo deve averlo messo a dura prova. Lo dimostra il fatto che abbia annunciato, qualche ora fa, quello che nessuno si sarebbe mai aspettato.

Novak Djokovic ha deciso, non del tutto inaspettatamente per la verità, di non partecipare al Bnp Paribas Open di Indian Wells. A confermarlo è stato lui in prima persona, per cui si tratta di una notizia ufficiale. Non sarà, quindi, tra gli atleti in gara in California dal 4 al 17 ottobre prossimi.

Djokovic salta Indian Wells: lo vedremo a Parigi?

Djokovic
©Getty Images

In molti avevano ipotizzato che potesse dare forfait. Negli ultimi tempi, d’altro canto, lo avevamo visto impegnato in attività che esulano dal tennis, perciò era evidente che volesse staccare per un po’ dalla routine e dai tornei. Era plausibile, poi, che avesse bisogno di un po’ di tempo per recuperare dopo le fatiche newyorkesi.

Il suo annuncio è stato diramato tramite i canali social del torneo di Indian Wells: “Mi dispiace molto – ha detto – non poter incontrare i miei fans di Indian Wells. Questo torneo e giocare nel deserto sono tra le cose che preferisco – ha aggiunto il tennista – Spero di vedervi il prossimo anno”.

Non resta che capire, a questo punto, quand’è che lo rivedremo in campo. Non è da escludersi che rientri in tempo per il Rolex Paris Masters di Bercy, che avrà inizio il 1° novembre. Ma l’ultima parola, naturalmente, spetta a lui.