Juventus, i bersagli dello sfogo di Allegri | Altro battibecco in hotel

Juventus
Allegri ©️Getty Images

Juventus, volano gli stracci dopo la partita contro il Milan. Battibecco anche in hotel dopo le parole di Allegri riprese dai tifosi

Quattro giornate, nessuna vittoria. Ed è normale che in casa Juventus le cose non vadano. Volano gli stracci. Non solo per le parole di Allegri, alla fine della partita, beccate dai tifosi. Ma anche dentro al J-Hotel, dove Dybala ha richiesto ai compagni di rimanere dopo la sfida contro i rossoneri.

Ma andiamo con ordine: Allegri, subito dopo il triplice fischio, ha sottolineato: “E poi vogliono giocare nella Juve”. Probabilmente, come riferito questa mattina dal Corriere dello Sport, le sue parole erano riferite ai subentrati in campo: Kean, Chiesa e Kulusevski, che non hanno dato alla squadra quella marcia in più che serviva per riuscire a portare a termine la partita. E giocare nella Juventus porta anche a delle responsabilità importanti. Che alcuni sembrano non capire. Serve la marcia in più.

LEGGI ANCHE: I pronostici di martedì 21 settembre | Serie A, Serie B, Liga e League Cup

LEGGI ANCHE: Berrettini, su Instagram le rivelazioni dell’agente di Ajla Tomljanovic

Juventus, lite in hotel tra Szczesny e Rabiot

Juventus-Novara
Il portiere della Juventus Wojciech Szczesny ©️Getty Images

Poi, in hotel, sembrerebbe ci sia stato un battibecco tra Szczesny e Rabiot. Il portiere ha ripreso il centrocampista francese che ha praticamente guardato Rebic, alle sue spalle, saltare da solo di testa e mettere alle spalle dell’estremo difensore polacco. Che poi, con una parata importante, ha salvato il risultato su Tomori. Szczesny ha ribadito l’errore, lo ha fatto notare, anche con parole grosse, a quanto pare. Al portiere non è piaciuta la dormita del centrocampista, così come era successo contro Empoli e Napoli. Disattenzioni che sono costate dei punti pesantissimi, e la Juve si trova lì, in fondo alla classifica, a lottare per riuscire a risalire la china.

Il momento, non essendo dei migliori – per usare un eufemismo – fa alzare sicuramente la tensione. Per uscirne bisogna vincere. E non sarà facile, perché in momenti così, ogni pallone pesa, più di ogni altra volta.