Berrettini, Ajla Tomljanovic è criptica: il post lascia i fan a bocca aperta

Berrettini
Instagram

Berrettini, anche la fidanzata Ajla Tomljanovic passa al terzo turno. Ma il suo post criptico su Instagram lascia i fan perplessi. 

Stanno camminando di pari passo. Che poi è un po’ quello che fanno nella vita di tutti i giorni da quando si sono “scelti”. Sia Matteo Berrettini che Ajla Tomljanovic, la sua bella fidanzata, stanno andando benissimo agli Us Open. Entrambi, infatti, sono passati al terzo turno e domani sfideranno i rispettivi avversari, nella speranza di arrivare agli ottavi di finale.

Leggi anche: Berrettini gioisce a metà: il suo post su Instagram fa commuovere

Tutti e due, ieri, sono andati alla grande. Ma mentre il tennista romano ha gioito solo a metà, commuovendo Instagram con un pensiero dedicato alle vittime dell’uragano Ida che si è abbattuto a New York, lei ha preferito optare per un post – per così dire – motivazionale.

Un post che denota tanta personalità e molta umiltà, quello di Ajla, e che non a caso è stato molto apprezzato dai numerosi sostenitori che la seguono su Instagram. Ma cosa ha scritto la Tomljanovic di così speciale? Andiamo a scoprirlo.

Lady Berrettini su Instagram: è un mea culpa?

Berrettini
Instagram

Lady Berrettini ha postato su Instagram, subito dopo la vittoria contro la Martic, una foto che la ritrae in campo, intenta a rispondere all’avversaria prendendo una palla piuttosto difficile. Ha le gambe piegate per difendersi meglio dall’attacco, in questo scatto, che le è servito per giocare con una metafora.

“Gotta get low to get through” scrive Ajla, che tradotto in italiano suona più o meno come qualcosa del tipo “Bisogna arrivare in basso per andare avanti”. Ecco spiegato, quindi, perché abbia deciso di optare per una foto in cui, guarda caso, è piegata sulle ginocchia per ricevere una palla.

Chiaramente, questo post lascia trasparire tutta la sua gioia, legata al risultato fin qui conseguito agli Us Open. Un successo che arriva dopo alcune prestazioni non proprio eccellenti sul campo di gioco, tipo quella alle Olimpiadi di Tokyo 2020. Sconfitte che, evidentemente, le sono servite per rafforzarsi e tirar fuori la grinta.