WhatsApp, cambia tutto: per chattare non avrai più bisogno di questo

WhatsApp
(Pixabay)

WhatsApp, grosse novità in arrivo sul fronte della sincronizzazione delle chat: potrai finalmente dire addio a questo passaggio, ora obbligatorio. 

La più nota tra le app di messaggistica istantanea è sempre stata vincolata allo smartphone. Non è possibile accedere a WhatsApp dal computer, per spiegare in parole povere cosa intendiamo, se non abbiamo a portata di mano il device sul quale è installata.

Leggi anche: Facebook, crollo inatteso: forse anche tu stai contribuendo al suo fallimento

Le ultime notizie, tuttavia, sono in questo senso rassicuranti. Un gruppo molto ristretto di utenti sta già testando una funzione che è destinata a stravolgere completamente l’app in questione. E che, in quanto tale, cambierà il modo di comunicare tramite il servizio del gruppo Facebook.

Con la sincronizzazione multi-dispositivo, potrebbe presto essere possibile accedere a WhatsApp da desktop e su Portal, la piattaforma di Facebook, anche nel caso in cui lo smartphone non sia nei paraggi. O nell’eventualità in cui sia, ad esempio, scarico, o non connesso ad Internet.

WhatsApp si svincola dallo smartphone

WhatsApp
©Getty Images

C’è una ragione ben precisa, se la sincronizzazione delle chat è sempre passata dallo smartphone. Il device è stato, sino ad oggi, l’unico detentore della chiave d’identità che cifra i messaggi attraverso la crittografia end-to-end. Con la rivoluzione appena annunciata, invece, gli sviluppatori faranno in modo che la chiave d’identità venga registrata da 4 dispositivi, tutti ovviamente associati al medesimo account.

Il che, tradotto in parole povere, significa che per attivare WhatsApp web non dovremo più inquadrare il qr code con la cam del telefono. Si avrà accesso alle chat senza dover fare nulla, appunto, con il proprio smartphone.

Telegram, per la verità, lo permette già da tempo, perciò era ora che anche WhatsApp si adeguasse e permettesse la sincronizzazione automatica delle chat. Gli sviluppatori di Menlo Park stanno studiando, inoltre, un modo per far sì che anche gli altri dispositivi siano in grado di ricevere ed effettuare chiamate e videochiamate.