Italia campione, le esultanze social: il video di De Rossi fa il giro del web

De Rossi
©Getty Images

De Rossi, festa grande negli spogliatoi. Il video della sua esultanza sta rimbalzando da un profilo all’altro: ecco perché. 

Bonucci che invocava la pastasciutta non era che l’inizio di una notte di comprensibilissimi bagordi. Di festa e di pacche sulle spalle, di grida e di schiamazzi. Ognuno ha festeggiato a modo suo. Chi in maniera più composta, chi “godendo” sfacciatamente davanti alle telecamere.

Leggi anche: Berrettini, così la sua Ajla è cresciuta a pane e sport

Daniele De Rossi non è stato tra quelli che hanno festeggiato in maniera troppo composta la vittoria dell’Italia. E ci mancherebbe pure. Quanto grande sia stata la sua felicità lo si evince da un breve filmato che ha preso a circolare insistentemente sui social network. Un video che ci racconta solo una parte infinitesimale di quello che è accaduto negli spogliatoi dopo i rigori.

Nella lunga notte londinese, che all’improvviso s’è tinta d’azzurro, l’ex giocatore della Roma e assistente della Nazionale italiana ha voluto dedicare all’Italia campione d’Europa un’esultanza molto particolare. Un “tuffo“. Sì, un tuffo. Nel vero senso della parola.

La gioia di De Rossi esplode negli spogliatoi

No, Daniele De Rossi non s’è tuffato nel Tamigi per rendere omaggio ad una delle notti più belle della storia del calcio nostrano. S’è tuffato in scivolata su d’un lungo tavolo bianco, in preda alla gioia e all’entusiasmo più sfrenati. Attorno a lui i ragazzi della nazionale di Mancini, anch’essi ovviamente in visibilio.

Il video dei festeggiamenti di De Rossi, memorabile, è certamente destinato a passare alla storia. E dire che una gioia così, forse ancor più grande, l’ex giallorosso l’aveva già assaporata nel 2006, quando era stato tra i protagonisti della mitica squadra che si era aggiudicata la Coppa del mondo.

I commenti in calce al video sono fioccati a più non posso. È piaciuta tantissimo, ai tifosi, la gioia incontenibile dell’assistente del ct Mancini. Il suo modo di far festa, per nulla “sobrio” ma certamente contagioso.