WhatsApp si veste di rosa? Fate attenzione, c’è un pericolo

WhatsApp
(Getty Images)

WhatsApp, occhio alla versione rosa. Ecco tutto quello che non devi fare se ricevi tramite chat il link che t’invita a scaricarla.

Sarebbe carino, se ogni utente potesse personalizzare completamente l’interfaccia di WhatsApp e “dipingerla” del suo colore preferito. Ed è per questo motivo che la fantomatica versione rosa della celebre app di messaggistica istantanea ha immediatamente fatto breccia nel cuore di migliaia di utenti dai gusti alternativi.

Leggi anche: Addio WhatsApp: le sorti del condominio da oggi si decidono su Domi

Peccato solo, ahinoi, che WhatsApp pink sia farlocco dalla testa ai piedi. Non si tratta, com’era sembrato agli ignari utenti, di una versione rivisitata dell’app simboleggiata dall’ormai famosa icona verde. Si tratta, bensì, di un pericolosissimo malware che minaccia la tua sicurezza personale e anche il funzionamento stesso del tuo smartphone.

A lanciare l’allarme, tramite il suo canale Twitter, è stato Rajshekhar Rajaharia, esperto di sicurezza informatica. È stato a lui a scoprire cosa si nascondesse dietro questa fantomatica versione rosa di WhatsApp, che in molti hanno scaricato tramite un link ricevuto via messaggio da altri, a loro volta ignari, utenti.

WhatsApp pink è una bufala: ecco cosa provoca

Nessuno poteva immaginare che dietro quel graziosissimo annuncio tutto rosa potesse nascondersi un virus. E invece, eccolo qui. Si tratta di un malware molto subdolo, peraltro. Chi lo ha scaricato si è accorto subito che qualcosa non andava, visto e considerato che non c’era traccia, sulla propria home, della relativa icona.

Questo virus scompare subito dalla schermata principale del dispositivo, infatti, ma ciò nonostante resta attivo in background e s’insinua nei meandri dello smartphone facendo di tutto di più. Ruba i dati personali di chi possiede il device, tanto per cominciare, ma è addirittura in grado di cancellare i dati che si trovano nella memoria del dispositivo.

Assume il controllo dello smartphone, come se non bastasse, impossessandosi della rubrica e inoltrando ai nostri contatti il messaggio contenente il link per il download della pink version. Nel caso ci foste cascati, non vi resta che procedere alla disinstallazione immediata. Per farlo vi occorrerà accedere a WhatsApp web, pulire la cache del browser e revocare i permessi che, senza accorgervene, avrete concesso ad app come WhatsApp pink.