Notifica su WhatsApp, da oggi cambia tutto: cosa succede se accetti

Whatsapp
Whatsapp (Getty Images)

Una notifica su WhatsApp sta avvisando gli utenti che i termini di utilizzo sono cambiati. Ecco cosa succede a chi clicca su “accetto”. 

Una notifica, stamattina, è comparsa all’improvviso sugli smartphone di chiunque utilizzi in maniera abituale l’app di messaggistica istantanea WhatsApp. Segno che l’aggiornamento tanto chiacchierato sta ufficialmente per arrivare e che è tempo, per i fruitori del servizio, di decidere se giurare amore eterno all’icona verde. O se, invece, dirle addio per sempre.

Leggi anche: WhatsApp, programma l’invio dei tuoi messaggi con questo trucchetto

L’avviso comparso sugli screen di milioni di persone recitava, testualmente, «WhatsApp sta aggiornando i propri termini e l’informativa sulla privacy». Solo i ben informati sapranno bene di cosa si tratti, ragion per cui è lecito pensare che la maggior parte degli utenti abbia cliccato su “accetta” senza sapere effettivamente cosa questo comporti in termini pratici.

A questo punto, la domanda, più che legittima, è: cosa succederà a chi ha accettato la nuova informativa sulla privacy e i relativi termini di utilizzo imposti da WhatsApp? Per la verità, per toccare con mano gli effetti di questa rivoluzione, che è iniziata ieri coinvolgendo per primi gli attivissimi utenti dell’India, dovremo attendere il mese di febbraio.

La notifica su WhatsApp è un preludio all’aggiornamento di febbraio

WhatsApp
Per continuare ad usare WhatsApp dovremo accettare i nuovi termini di utilizzo (Pixabay)

Sebbene sia previsto che il nuovo aggiornamento entri in vigore a partire dal prossimo 8 febbraio, le novità introdotte da WhatsApp sono note già da un po’. Chi stamattina ha dato il proprio lasciapassare, tra un mese vedrà le proprie chat rinnovarsi, stravolte in ogni minimo dettaglio.

Nel caso si sia deciso di accettare le nuovi condizioni, l’8 febbraio vedremo comparire all’interno delle nostre conversazioni dei banner-in-app. Degli annunci pubblicitari, sostanzialmente, che rimandano, se l’utente vi clicca sopra s’intende, a dei siti esterni convenzionati con WhatsApp e col gruppo Facebook.

Siti che, per la precisione, appartengono alle aziende che stamattina, cliccando su accetta, abbiamo autorizzato a disporre dei nostri dati personali. Non avete nessuna intenzione di rinunciare alla vostra privacy solo per continuare ad utilizzare l’app di messaggistica istantanea? Niente paura: non vi resta che declinare l’invito, se siete ancora in tempo, oppure disinstallare per sempre WhatsApp e attendere che arrivino tempi – o app – migliori. Non si potrà continuare ad utilizzarlo, infatti, se non si accettano i nuovi termini.