Serie A, una nuova Lotteria per aumentare i ricavi

(bigstockphoto)

Il massimo campionato italiano di calcio potrebbe ripartire il prossimo 3 maggio, ma ovviamente si tratta soltanto di un’ipotesi, tra l’altro sempre più remota: tutto dipenderà dall’evoluzione della pandemia che ha recentemente fermato tantissime attività. Si proverà a completare tutte le giornate ancora rimaste: non è escluso, però, che si ricorra allo svolgimento di playoff e playout. Anche una sospensione definitiva del torneo, purtroppo, rappresenta un’ipotesi da tenere in considerazione.

Nel frattempo, la Lega di Serie A sta cercando di studiare i modi migliori per aiutare le società. Una volta terminata l’emergenza sanitaria, infatti, bisognerà inevitabilmente fare i conti con le enormi perdite economiche causate da una conclusione anticipata dell’attuale stagione o dalla disputa di ulteriori partite a porte chiuse, oltre a quelle già andate in scena durante la fase iniziale dell’emergenza legata alla diffusione del coronavirus, quando si pensava che la situazione sarebbe tornata alla normalità molto presto.

(bigstockphoto)

Serie A, le richieste al governo

I club hanno chiesto al governo di rivedere il Decreto Dignità, la cui entrata in vigore ha impedito le sponsorizzazioni legate ai marchi di scommesse, con una conseguente diminuzione delle entrate di circa cento milioni di euro a stagione.

Un’altra possibile iniziativa, secondo quanto riportato da repubblica.it, sarebbe legata all’istituzione di una lotteria. Permetterebbe di produrre nuovi ricavi e, allo stesso tempo, di intrattenere il pubblico con un gioco simile al Totocalcio. Se il Totocalcio è stato un inseparabile compagno di milioni di appassionati per tanti decenni, ha da tempo perso appeal. Ecco perché c’è l’idea di un nuovo gioco in grado di sostituirlo.

Tra pochi giorni, il presidente della FIGC, Gabriele Gravina, dovrà inviare a Palazzo Chigi tutte le proposte avanzate dalla Lega di Serie A per tentare di superare nel miglior modo possibile le emormi difficoltà di questo delicatissimo periodo storico. I rapporti tra i vertici del calcio italiano, il premier Giuseppe Conte e il ministro Vincenzo Spadafora sono ottimi. La sinergia e la collaborazione tra tutte le componenti saranno fondamentali per aiutare lo sport più seguito nel nostro Paese a risollevarsi rapidamente.

Leggi anche —> Sospesi Lotto, Superenalotto, slot e scommesse