Olanda-Argentina: attacchi forti, difese meno

OLANDA – ARGENTINA | mercoledì 9 ore 22

Argentina e Olanda contro, nella storia dei Mondiali
Argentina e Olanda sono state grandi protagoniste dei Mondiali del passato, soprattutto l’Argentina, che ha vinto due volte la Coppa del Mondo, mentre l’Olanda è ancora ferma a zero, ma ha perso tre finali: una nel 1974, una nel 1978 proprio contro l’Argentina, l’altra quattro anni fa contro la Spagna, e negli ultimi due casi ha perso ai tempi supplementari.

L’Argentina ha già fatto un ottimo risultato in questo Mondiale: si è qualificata per la prima volta alle semifinali dal 1990, anno in cui perse poi la finale contro la Germania. Per la prima volta si qualifica alla semifinale di un Mondiale da quando si è ritirato Maradona. La buona notizia è che quando si è qualificata finora alle semifinali è poi sempre arrivata in finale: tre volte su tre.

Ci sono quattro precedenti nella storia dei Mondiali tra Olanda e Argentina: 2 vittorie l’Olanda, una l’Argentina, e un pareggio. La sola partita vinta dall’Argentina è stata però la più importante, perché è valsa la vittoria di un Mondiale.

I limiti di Argentina e Olanda
Argentina e Olanda hanno parecchi punti di forza, altrimenti non sarebbero riuscite ad arrivare a giocare le semifinali di un Mondiale. Queste due nazionali hanno però anche dei limiti evidenti, soprattutto in difesa.

L’Argentina non ha mai giocato benissimo nel corso del Mondiale, eppure finora ha sempre vinto. Gli avversari non sono mai stati di altissimo livello: Bosnia, Iran, Nigeria, Svizzera e Belgio. La squadra più difficile da battere era il Belgio che però ha giocato male, favorendo la nazionale di Sabella. In tutti i casi l’Argentina ha vinto con un solo gol di scarto e faticando parecchio: con la Svizzera i 90 minuti di gioco regolamentari sono finiti 0-0, ed è servito un gol di Di Maria al 118′ per passare il turno. La sorpresa positiva finora è stata Romero, portiere che ha avuto un rendimento più che sufficiente, in controtendenza rispetto a quanto aveva fatto vedere nei club con cui ha giocato in tempi recenti (Sampdoria e Monaco). Riuscirà a mantenere questo rendimento positivo fino alla fine del Mondiale? Demichelis piazzato al centro della difesa contro la velocità d’esecuzione di Van Persie e Robben diciamo che fa venire parecchi dubbi sulla tenuta della difesa dell’Argentina contro l’Olanda.

L’Olanda, dopo aver preso a pallate la Spagna (5-1) nella prima partita del Mondiale, ha faticato contro Australia e Cile, ha rischiato l’eliminazione contro il Messico segnando due gol negli ultimi cinque minuti di gioco quando era sotto 1-0, e contro la Costa Rica ha vinto solo ai calci di rigore. È stata fortunata a non prendere gol contro il Cile, mentre contro la Costa Rica nella fase difensiva è stata agevolata dagli avversari che hanno rinunciato ad attaccare. Nelle altre partite ha subito gol: uno dalla Spagna, e per poco Silva non faceva il 2-0, due dall’Australia e uno dal Messico.

La difesa è il punto debole, e lo sa benissimo pure Van Gaal, che infatti ha deciso di giocare quasi tutte le partite con cinque difensori. Contro Messi e Higuain non dovrebbe bastare, perché Martins Indi ha avuto un rendimento insufficiente nel corso di tutto il Mondiale, e anche De Vrij e Vlaar hanno commesso degli errori evitabili nel corso delle cinque partite finora giocate.

Un gol a testa Argentina e Olanda – che probabilmente giocheranno tutte e due con tre attaccanti – dovrebbero farlo.

I pronostici
Il “gol” (entrambe le squadre segnano) è a quota 2.10 su #&bid=8762″ target=”_blank” >Betfair. L’Argentina con Di Maria in campo sarebbe stata probabilmente favorita, l’infortunio del calciatore del Real Madrid priva il commissario tecnico Sabella del suo calciatore più in forma. Senza Di Maria mancheranno le accelerazioni a centrocampo, e il rischio è quello di trovarsi sempre di fronte la difesa schierata dell’Olanda: tre difensori centrali più i due esterni più il recuperato De Jong piazzato davanti la difesa. Messi, Higuain e Lavezzi – chi più e chi meno – sono abili nel dribbling e nel tiro da fuori dall’area di rigore. Un gol prima o poi l’Argentina lo farà, ma più di uno è difficile, anche perché nelle ultime due partite – contando solo i tempi regolamentari – l’Argentina ha fatto appena un gol. E così il pareggio a quota 3.15 su # è da provare.

Le promozioni dei bookmaker
#&bid=8762″ target=”_blank” >Betfair – che offre ai nuovi che si registrano 10€ al termine della procedura di invio dei documenti, più un bonus pari al 50% dell’importo della prima scommessa effettuata (vincente o perdente che sia, fino a un massimo di 80€) – rimborserà fino a 25€ le scommesse perdenti su primo marcatore o risultato esatto, se la partita andrà ai tempi supplementari.

# rimborserà tutte le scommesse singole perdenti su risultato esatto, risultato esatto 1° Tempo, 1° Marcatore (partita e ciascuna squadra) e ultimo marcatore (partita e ciascuna squadra) se la partita andrà ai calci di rigore.

# rimborserà le scommesse singole perdenti sul primo marcatore se il calciatore pronosticato farà il secondo gol e non il primo della partita.

Formazioni ufficiali
OLANDA: Cillessen, de Vrij, Vlaar, Martins Indi, Kuyt, de Jong, Sneijder, Wijnaldum, Blind, Robben, van Persie.
ARGENTINA: Romero, Zabaleta, Demichelis, Garay, Rojo, Perez, Mascherano, Biglia, Messi, Lavezzi, Higuain.

PROBABILE RISULTATO: 1-1
GOL (2.10, #&bid=8762″ target=”_blank” >Betfair)
X (3.15, #)
MESSI MARCATORE (2.30, #)