Perché il Belgio può eliminare l’Argentina

ARGENTINA – BELGIO | sabato 5 ore 18

Qui al veggente avevamo previsto il quarto di finale tra Argentina e Belgio nei pronostici antepost. Il difficile però viene adesso: i quattro gol segnati finora da Messi non ci hanno fatto cambiare idea. Il Belgio – pur nettamente sfavorito dalle quote dei bookmaker – è esattamente il genere di squadra che può sfruttare le proprie caratteristiche fisiche e di gioco per far emergere alcuni limiti dell’Argentina, di cui il veggente parla da tempo.

Perché l’Argentina non vincerà il Mondiale
L’Argentina non vincerà il Mondiale perché non ha un portiere affidabile, in difesa dà poche sicurezze, e non ha un regista di spessore. È la nazionale che ha nel complesso gli attaccanti migliori: Lavezzi, Palacio, Messi, Aguero e Higuain. Il problema è che a calcio non si gioca con cinque attaccanti, e anzi già schierarne tre è un grosso rischio, se la squadra non ha i giusti equilibri. L’allenatore Sabella ha l’imbarazzo della scelta in attacco – basti pensare che Tevez è rimasto a casa – ma questo imbarazzo non ce l’ha in difesa e a centrocampo.

Il portiere titolare è Romero, che dà poche sicurezze; in difesa c’è Garay, che ha giocato bene nel Benfica, e per il resto ci sono Fernandez e Demichelis, che sono calciatori di buon livello, ma non certo dei campioni. Se a destra c’è il forte Zabaleta, a sinistra c’è Rojo, che non è sugli stessi livelli. C’è poi la grave assenza di un regista, un centrocampista centrale che sappia fare girare il pallone, uno come Pirlo, per intenderci. Perché puoi anche avere tre grandi attaccanti, ma bisogna servirgli il pallone, e l’idea di dare palla a Messi può funzionare fino a un certo punto.

Perché il Belgio può andare avanti
Il Belgio ha uno dei tre portieri migliori al mondo in questo momento, Thibaut Courtois, un gigante di 199 centimetri bravissimo tra i pali e sicuro nelle uscite. Se l’Atletico Madrid ha vinto la Liga e quasi-vinto la Champions League il merito è stato anche suo. In difesa c’è tutta l’esperienza del capitano del Manchester City Vincent Kompany, e poi Jan Vertonghen del Tottenham, difensore abilissimo nel gioco aereo e che fa gol con buona frequenza. I terzini (Alderweireld e Vermaelen) sono più bravi a difendere che ad attaccare, ed è un bene, perché tanto gli esterni d’attacco sono già fortissimi, e bastano loro: De Bruyne del Wolfsburg e Mertens del Napoli. Come riserva c’è il giovane del Manchester United, Januzaj. L’allenatore può anche schierare Hazard esterno d’attacco, perché come trequartista o seconda punta ha a disposizione anche Chadli. A centrocampo c’è tanta qualità: Dembelé, Witsel, Defour e Fellaini. In attacco – a causa dell’infortunio di Benteke – ci sarà Lukaku, e forse non è un male, perché quest’anno in prestito all’Everton dal Chelsea ha mostrato tutta la sua forza.

È una squadra giovane ma neanche troppo (media di quasi 26 anni), dotata di ottima tecnica individuale e di grande forza fisica. Nel calcio attuale, in cui spesso la differenza la fanno i calci piazzati, pensate a una punizione o a un calcio d’angolo in favore del Belgio. La batte Hazard (o Mertens), in area di rigore per saltare e colpire di testa arrivano Kompany (191 cm), Vertonghen (189 cm), Fellaini (194 cm), e Lukaku (191 cm), solo per indicare i più forti nel gioco aereo.

Perché il Belgio può vincere contro l’Argentina
Contro la Svizzera, pur avendo a disposizione Di Maria e Messi in ottima forma, di fatto fino al 188′ l’Argentina non è riuscita a fare gol a una squadra che era stata presa a pallate dalla Francia (cinque gol). Contro una difesa forte come quella del Belgio – che giocherà con un baricentro molto basso, in modo da rendere ininfluente la maggiore velocità degli attaccanti dell’Argentina – fare gol sarà difficile anche perché Messi si troverà di fronte il portiere Courtois, che nell’ultima stagione della Liga per lui è stato una specie di incubo.

Il Barcellona è stato eliminato dall’Atletico Madrid in Champions League e l’Atletico Madrid ha vinto la Liga all’ultima giornata pareggiando al Camp Nou in casa del Barcellona. E quanti gol ha fatto Messi a Courtois nell’ultima stagione su sei partite in cui lo ha affrontato? Zero, e ha pure sbagliato un calcio di rigore nella finale di ritorno di Supercoppa di Spagna, prendendo la traversa. In Champions League poi Courtois ha fatto una bella parata su un calcio di punizione di Messi tirato
all’incrocio dei pali. Messi negli anni passati ha fatto parecchi gol a Courtois, come ne ha fatto parecchi a tutti i portieri che ha affrontato, ma ritrovarsi di fronte un avversario che in questa stagione è riuscito sempre a respingere i suoi tiri potrebbe essere un fattore negativo anche da un punto di vista psicologico.

Comunque Argentina-Belgio non è solo Messi-contro-Courtois. Il Belgio ha parecchi modi per fare gol all’Argentina. Intanto nel gioco aereo sui calci piazzati: ancora non hanno segnato in questo modo, e prima o poi uno tra Kompany, Van Buyten e Fellaini di testa la metterà dentro anche su calcio piazzato. Poi ci sono gli esterni d’attacco che stanno giocando molto bene: Hazard ha aumentato in modo costante il suo rendimento nel corso di questo Mondiale, e la sua migliore partita l’ha fatta contro gli Stati Uniti, e lo stesso si può dire per De Bruyne. La sensazione è che i calciatori del Belgio avessero paura di fallire, tanta era la pressione nei loro confronti durante la fase a gironi.

Già arrivare a questo punto – per una nazionale che non ha moltissima tradizione nella storia del Mondiale – è un ottimo traguardo, e da adesso in poi non ci sarà nulla da perdere, e questo potrebbe essere un vantaggio. Infine c’è Mertens che – squalificato Rojo – avrà dalle sue parti Basanta, uno che non è abituato a giocare a questi livelli, nonostante i suoi 30 anni d’età. Mertens giocherà al massimo e potrebbe fare la differenza; poi, nel secondo tempo, al suo posto dovrebbe entrare Mirallas che da sostituto ha sempre giocato bene in questo Mondiale.

I pronostici
Il Belgio qualificato alle semifinali è a quota 2.40 su #, che offre ai nuovi registrati 5€ gratis subito + un bonus del 50% sul primo deposito fino a 50€. La doppia chance esterna (vittoria del Belgio o pareggio) è a quota 1.66 su #, che accredita sul conto un bonus di benvenuto del 200% del primo deposito fino a 30€. Il Belgio con Courtois in porta su 21 partite giocate non ha mai perso (15 vittorie e 6 pareggi) subendo in totale appena 10 gol.

Le promozioni dei bookmaker
#&bid=8762″ target=”_blank” >Betfair – che offre ai nuovi registrati 10€ al termine della procedura di invio dei documenti più un bonus pari al 50% dell’importo della prima scommessa effettuata (vincente o perdente che sia, fino a un massimo di 80€) – rimborserà fino a 25€ le scommesse perdenti su primo marcatore o risultato esatto se la partita andrà ai tempi supplementari.

# rimborserà le scommesse su primo marcatore più risultato esatto e marcatore più risultato esatto) e margine di vittoria se un calciatore farà una tripletta nel corso della partita.

# rimborserà tutte le scommesse singole perdenti su risultato esatto, risultato esatto 1° Tempo, 1° Marcatore (partita e ciascuna squadra), ultimo marcatore (partita e ciascuna squadra) e parziale/finale se Lukaku farà un gol durante la partita.

Probabili formazioni
ARGENTINA: Romero, Zabaleta, Demichelis, Garay, Basanta, Gago, Mascherano, Di Maria, Lavezzi, Messi, Higuain.
BELGIO: Courtois, Alderweireld, van Buyten, Kompany, Vertonghen, Witsel, Fellaini, Mertens, de Bruyne, Hazard, Origi.

PROBABILE RISULTATO: 1-1
BELGIO PASSA IL TURNO (2.40, #)
X2 (1.66, #)
MERTENS MARCATORE (4.50, #)