GRUPPO E: passano Francia e Svizzera

Le analisi degli altri gironi sono qui (sezione in aggiornamento)

QUALI SQUADRE CI STANNO
C’è la Francia, che difficilmente farà peggio del 2010, e c’è la Svizzera, che è l’altra nazionale candidata a passare il turno. Sono le due squadre europee del girone, le altre sono Ecuador e Honduras.

CHI VINCERÀ IL GIRONE
La Francia ha una squadra forte, anche se non sembra in grado di vincere il Mondiale. Ma passare il girone al primo posto, quello sì. Perché le avversarie non sono poi così forti, e perché arrivare al primo posto è indispensabile, altrimenti con ogni probabilità l’incrocio agli ottavi di finale sarebbe contro l’Argentina. Per la Francia è un mezzo miracolo essere in Brasile a giocare il Mondiale. Nello spareggio contro l’Ucraina dopo avere perso 2-0 la partita di andata, la squadra di Deschamps è riuscita a rimontare e vincere 3-0 il ritorno. Quel miracolo è servito parecchio, perché ha unito uno spogliatoio in cui le tensioni non sono mai mancate dopo i casini del 2010 (scontri molto duri tra giocatori e allenatore). Vincere il girone potrebbe dare maggiore convinzione alla squadra e fare gruppo.

francia

Il punto di forza della Francia è di sicuro il centrocampo, che dà grande copertura e allo stesso tempo qualità in fase offensiva con Pogba, Cabaye e Matuidi, tre calciatori che trovano anche il gol con una certa regolarità. La difesa è meno affidabile, ma il risultato della Francia al Mondiale dipenderà – oltre che Benzema – dal rendimento dei trequartisti. Deschamps ha deciso di fare fuori Nasri, che ha pagato per la pessima prestazione in Ucraina nello spareggio. Una scelta forse azzardata, perché Valbuena sembra meno forte, mentre Griezmann e Cabella non hanno la stessa esperienza internazionale di Nasri e ci sarà da sostituire pure l’infortunato Ribery.

La Francia vincente girone è a quota 1.78 su # che accredita sul conto un bonus di benvenuto del 200% del primo deposito fino a 30€ (qui spieghiamo come funziona).

SVIZZERA FUORI AGLI OTTAVI
La Svizzera ha una squadra molto competitiva, e potrebbe anche riuscire a pareggiare lo scontro diretto contro la Francia. Rispetto alla Francia ha però un rapporto molto più complicato con il gol. Ha una difesa organizzata – sebbene i singoli non siano il massimo della sicurezza per quanto riguarda i centrali – e un centrocampo solidissimo che permette alla squadra allenata da Hitzfeld di subire pochi gol. Nella fase offensiva però c’è solo Shaqiri a dare qualità, e manca un attaccante di altissimo livello. Rispetto al recente passato c’è almeno la speranza rappresentata da Drmic, che ha fatto parecchi gol col Norimberga in Bundesliga.

svizzera

Il motivo per pensare alla Svizzera qualificata agli ottavi di finale è legato più che altro al campionato di Serie A: Lichtsteiner, Inler, Dzemaili e Behrami. Arrivare al primo posto del girone sarà comunque molto difficile: pure pensando a un arrivo a pari punti con la Francia, il primo posto sarebbe deciso dalla differenza reti. E la Francia ha parecchie possibilità di finire il girone con il migliore attacco nel gruppo (quota 1.80 su #).

svizzera

Francia e Svizzera qualificate agli ottavi hanno una quota di 2.05 su # che offre ai nuovi registrati 5 # subito più un bonus del 50% sul primo deposito fino a 50€.

E POI CI SONO ECUADOR E HONDURAS
L’Ecuador si è qualificato al Mondiale per la terza volta nella sua storia dopo il 2002 e il 2006. Il vantaggio dell’Ecuador nel girone sudamericano è quello di giocare le partite in casa nella città di Quito, che sta a 2850 metri sul livello del mare. La maggiore abitudine a giocare a queste altitudini è un vantaggio, se è vero che 22 punti dei 25 che sono bastati per la qualificazione l’Ecuador li ha fatti quando ha giocato in casa. In Brasile questo vantaggio non ci sarà: l’unica partita che sarà giocata a una certa altitudine è quella contro Honduaras a Curitiba, 934 metri, che peraltro è più o meno l’altezza della capitale dell’Honduras, Tegucigalpa.

E così ad armi pari, l’Ecuador può vincere probabilmente solo contro Honduras, mentre rispetto a Francia e Svizzera ha una squadra più scarsa. Gli unici calciatori di buon livello sono Felipe Caicedo – che però ha scelto i soldi dell’Al-Jazira di Abu Dhabi, e ha un pessimo rapporto con il ct Rueda –, Antonio Valencia del Manchester United, e Christian Noboa della Dinamo Mosca. Il punto debole è la difesa. Ci sono stati problemi con gli infortuni a Campos e Morante, che non sono stati convocati, ed è stata una brutta stagione anche per Juan Carlos Paredes – penalizzato dagli infortuni – e per Erazo, che col Flamengo il campo l’ha visto poche volte.

ecuador

Peggio ancora dell’Ecuador sta messo Honduras, che potrebbe finire il girone a quota zero punti (quota 3.10 su Paddypower). Una volta lo schema era tutti in difesa, e in attacco ci pensano Pavon e soprattutto Suazo, ex Cagliari e Inter. Ora l’Honduras fa un calcio difensivo ma non ha attaccanti di buon livello, e anche negli altri reparti non è che stiano messi benissimo. Gli unici calciatori che giocano in Europa sono il terzino sinistro del Celtic Izaguirre, il difensore dell’Hull City Figueroa e il mediano dello Stoke City Palacios.

honduras

Le analisi degli altri gironi sono qui (sezione in aggiornamento)